Tentazione - Oscar Wilde

Come resistere alle tentazioni

Le tentazioni alle quali mi riferisco non sono solo quelle verso il cibo, ma anche la tentazione di poltrire davanti alla tv, quella di guardare continuamente il telefono per vedere ciò che viene pubblicato sui social, la tentazione di fumare tanto o di bere un bicchiere di troppo. Sono tutte tentazioni che condizionano le nostre azioni e dipendono sostanzialmente dalla risposta che il nostro cervello ha di fronte a qualcosa che soddisfa un bisogno, un desiderio: la produzione di dopamina. Ci aspettiamo che da una determinata azione ne scaturisca piacere, cediamo alla tentazione, parte il rilascio di dopamina e questa ci regala un forte senso di appagamento. Ecco perché è difficile resistere a qualcosa che sappiamo per esperienza darci piacere e se questa dinamica viene ripetuta più volte si instaurerà un’abitudine a cedere a quelle azioni per provare piacere immediato, andando però in una direzione che non vogliamo.

 Come posso resistere alle tentazioni?

Tra i primi suggerimenti che mi sento di dare c’è quello di PRENDERE TEMPO. Come un’onda che si alza, cresce, fino ad infrangersi a riva, anche la voglia di quel cibo che sembra inizialmente fortissima e incontrollata, se lasci passare una decina di muniti esercitando la tua resistenza, grazie alla capacità di controllare le tue azioni, tenderà a sfumare. Resisti 10/15 minuti, facendo cose che ti impegnano e la tentazione svanirà o comunque l’impulso sarà più sfumato.

Altro suggerimento: se sai che in un determinato momento della giornata, ad esempio dopo cena, sul divano, mentre guardi la tv, avrai sicuramente la tentazione di mangiare biscotti o patatine, e lo sai per certo perché lo fai ormai tutte le sere, CAMBIA SETTING. Guarda la tv in un’altra stanza se sei abituata al salotto, evita di sederti sul divano ma rimani sulla sedia, mentre guardi la tv tieni le mani impegnate (sai lavorare a ferri o fare modellismo?)

Molto utile sarà inoltre pensare ancora prima che si manifesti la voglia di mangiare che ce la puoi fare, che in passato non riuscivi a resistere ma che adesso stai acquisendo gli strumenti per farcela. Ripeti più volte nella giornata, come un mantra, qualcosa del genere: “Posso resistere alla voglia di cioccolato mangiandone UN SOLO PEZZETTO”.

Ecco quindi l’ultimo suggerimento: non pretendere di passare da un eccesso ad una restrizione totale, prendi qualcosa di meno rispetto il giorno prima o qualcosa di diverso, più salutate, e vedrai che in poco tempo potrai dire di aver ceduto alla tentazione, in maniera consapevole, proprio per liberartene.

resistere-tenatazioni

 

 

Categories: Alimentazione, Blog